So li canti

Sott’à li celi mastini
Di e grande investiture
Ci sò li timbri latini
È le forte tessiture
Le voce maravigliose
Li versi di gran’talenti
Le muse sempre scherzose
È pueti preputenti

Sò li canti spurgulati
Chì movenu le cuscenze
Di li cori addurmintati
Da le troppu indiferenze

Hè la forza di la terra
Chì face tante bellezze
È, da lu ghjornu à la sera,
Si scopre tante ricchezze
La puesia ne scoppa
In quale ne sia u locu
Cum’è quella legna scrocca
N’è u brusgià di lu focu

Si senttenu l’estate, cantà in ogni locu
È vere inpaghjellate, da prunlunga le nuttate
Ci riscallanu lu core, d’una forte fratellenza
È per ghjunghje à l’albore, serà u cantu a speranza

Parolè Patrick Tozzi - Musica Rinatu Andreuccetti